12 aprile 2006

 

"Ma il Liberalismo è super partes. Così vivo che sta cambiando il mondo"

Cari amici di Neo-lib (attenti al refuso No-lib), non disperate, questa lettera si conclude bene, a sorpresa. Ormai sto diventando più gigione di Ferrara e Pannella. Però, consentitemi, in sintesi bastava che voi diceste: amiamo alla follia lo schierarsi, il tifo politico, il "noi-loro", e perciò "vogliamo fare un partito liberale di destra" (senza nessuna connotazione negativa, per carità, fin da adolescente sono nel PLI (con lunga parentesi PR), e nel 94 tra i primi a costituire un club FI, sono CN nel Pli, ed ero-sono vicino anche a RL (Della Vedova è uno dei miei miti in economia).
Noi, come Comitato provvisorio di "Liberali Italiani", non siamo ancora usciti allo scoperto. Questa è una anteprima, prima del lancio attraverso il prossimno numero della Newsletter di Salon Voltaire.
.
Il fatto che mostrare di non sapere è che il Liberalismo è di destra e sinistra insieme (Croce e tutti gli altri teorici), cioè non accetta proprio questa bipartizione stupida del bipolarismo all'italiana. In cui nessuno dei due poli è liberale. Non c'entra niente il vecchio 800 e la naftalina. E' qui l'errore.
Molti, anche l'amico Diaconale, confondono i principi liberali, che sono immutabili (se no, vorrebbe dire che il liberalismo ha perso) con imprecisati tradizionalismi dell'800 (quali? di grazia, non viene mai specificato...). Ma è proprio quello che Chiesa, post-Dc e clericali ci rimproverano. Anche voi fate vostre le loro assurde obiezioni? Andiamo bene... Scusate - e più amici di prima - ma non è che sotto sotto ci sarà un po' di ignoranza sul liberalismo?
Non potete contestare il dato fondamentale che il Liberalismo è prevalente su qualsiasi sigla o partito liberale. E il liberalismo è per definizione "contro tutti". Si schiera, sì, ma di volta in volta, a seconda degli argomenti: è tipico. P.es., in economia sarà "considerato" di CD, ma in diritti civili e laicità "sembrerà" di CS. Ecco perché istintivamente, forse per evitare queste difficili forche caudine e ogni critica, vi siete definiti Neo-lib. Che sembra maledettamente Post-lib. Chi pensa subito e solo alla destra (oggi, non ai tempi di Malagodi, quando era necessario) è spesso solo un liberal-conservatore: mercato, America e poco altro. E i diritti civili, le nuove libertà, la laicità? Come potrete parlarne in una destra sempre più bigotta e ottusa? E meno male che avete avuto l'esperienza diretta, sulla vostra pelle, dei Riformatori liberali. Non vi ha insegnato nulla quello schiaffo?
Voi obiettate: ma a sinistra c'è ancora meno spazio. Ma chi sta parlando di sinistra? I liberali devono, come insegna il Liberalismo, che è super partes, fare da garanti, da terzo polo. Insegnare a tutti, destra e sinistra, che cosa è il liberalismo. Poco noto in Italia anche alla borghesia "liberale". Quasi tutti lo confondono o con un generico moderatismo (errore veniale), o addiritturacol conservatorismo (errore mortale).
Ecco perché nel mio progetto, intanto, "noi vogliamo riunire tutti i liberali", ovunque siano, quindi anche voi, anche i tantissimi terzisti e perfino qualche sparuto di sinistra, al centro - diciamo così- cioè in standby, in posizione critica. "I liberali solo con i liberali: né socialisti, né conservatori, né clericali".
Il Salon Voltaire ha il polso della situazione, avendo 3000 destinatari liberali. Ebbene, moltissimi sono critici sia con la destra che con la sinistra. Direi la maggioranza dei 3000. Ed è da 2 anni che li osservo e ricevo feedback, quindi è difficile che questo campione sia sbagliato. I liberali contestano addirittura questo bipolarismo. E il liberalismo, attenzione, è dottrina anche culturale non solo politica.
Ma in fondo non c'è contrasto, le 2 iniziative si completano. Voi fate questa iniziativa, a cui parteciperanno i nostri di destra (forse io stesso, non so). Quindi non siamo contro. Anzi, vi rimprovero scherzosamente: come vi siete permessi di pensare che una qualunque iniziativa liberale, sia pure all'inferno, non sarebbe stata appoggiata da un vero liberale e dal Salon Voltaire, che è nato due anni fa proprio per questo? Era ora anche di sganciarsi
da FI: ma avete il personale umano con le palle per non farvi assorbire da quegli abilissimi mezzi preti? Quando vi sarete costituiti, noi (se il nostro progetto partirà) vi chiederemo di aderire alla - chiamiamola così per ironia -
Nazionale Liberale. Tutto qui. Afferrata l'analogia? Il nostro è un meta-partito che difende il Liberalismo, cioè le Idee liberali, ovunque siano, non questo o quel gruppo partitico. Anche una idea di Carlo De Benedetti può essere liberale: il socialismo non c'entra. Ecco un altro vostro errore: scambiare per socialista il liberalismo in sé, super partes, non schierato con la Destra. Ma questo è proprio tipico del Liberalismo, che è poco schierato. E ha in se (volete mettervelo in testa?) elementi di destra, centro e sinistra. Ce ne freghiamo di queste distinzioni stupide: veniamo prima di questi ottusi tifosi da stadio.
Altro che "morte" del Liberalismo, anzi sta rinascendo proprio in questi decenni. Per dirne solo due. che cosa sono la rinascita della Cina (solo nel mercato), la tendenza alla liberalizzazione in Europa e l'ingeranza "democratica" (ignoranti i commentatori e politici: la si deve chiamare "liberale") nei Paesi del vicino e medio Oriente? Puro liberalismo che si espande, cari amici. Se non lo capite, non so che dirvi. Più vivo e vegeto di così. Siete voi vecchi a ricordare, a sproposito, Cavour. Che va storicizzato, al pari di ogni altro movimento o personaggio, come ci ha insegnato il liberale Croce. Il liberalismo è sempre lo stesso, non puà cambiare. Solo si nutre sempre di nuovi ciontenuti. Ecco perché vive e domina moralmente e intellettualmente il mondo occidentale, e non solo.
Ma voi, giustamente, volate basso e fate politica spicciola. Bene: anche questa, perché no? Ma permetteci anche di volare alto. Se poi gli Stati Generali del Liberalismo tra due anni decideranno di costituirsi in partito, si vedrà. Al limite sforneremo, su domanda, due Partiti Liberali diversi, uno per la Destra, uno per la Sinistra... Come i post-Dc... Questa la mia idea. C'è poi un'altra idea tra di noi: fare subito un partito liberale terzista, ago della bilancia. Allora sì che metterebbe paura a tutti e otterrebbe tutto.Ma lo capiranno? Lo capirete?
.
In quanto al vostro progetto, coprendomi gli occhi per non leggere la stupida frase ad effetto che "il liberalismo è morto" (ma da giornalista ammetto che aumenta l'audience...), posso aderire al vostro progetto personalmente e come Salon Voltaire, se vi fanno comodo altri due nomi. Ma. sia chiaro, come aderirei anche ai Radicali (che infatti ho votato) e a qualunque altra iniziativa liberale, anche fatta da Belzebù. Figuriamoci da voi, di cui almeno mi fido moralmente. Troppe sciocchezze non ne potrete fare. Ciò detto, insisto, Delenda Carthago: il Liberalismo è super partes: Il Liberalismo fa le scelte più diverse, di volta in volta. Il Liberalismo è il massimo dell'indipendenza dagli schieramenti. Contestatelo, se potete. E ora, dopo che ho aderito, permettetmi la cattiveria sgarbiana alla Nico Valerio, che putroppo mi accompagna dalla nascita: ecco che vuol dire aver studiato il Liberalismo sui Bignami. E senza leggerli fino alla fine...
Nico Valerio

Comments:
Torniamo anche al solito problema nico....ce la facciamo a organizzarci o continuiamo a perderci sul sesso degli angeli?Siamo in grado di raccogliere firme, mobilitare volontari e autofinanziarci?Perchè purtroppo le idee non viaggiano e non circolano se non ci sono i mezzi e la volontà concreta di portarle avanti.
 
Ciao Alex, sì ma non...esistiamo ancora. Prima esistere, poi fare.
Altro che firme. E per esistere, che ci consigli: rifondarci solo dentro la Destra, con tutti i pericoli (come hanno visto PLI, PRI, Radicali e RL), o come indipndenti e autonomi al Terzo Polo, pronti ad allearci con chiunque proponga cose liberali?
Questo il dibattito.
Mandami un articolo breve che lo pubblichiamo con risalto.
Forza Alex e Liberaldemocratici di Parma (beati voi: strafighe e "turtlein"... qui solo donne baffute e fast-food...)
 
Il primo punto secondo me è riformare le strutture locali.Ossia, a ogni amministrativa presentare una lista elettorale liberale autonoma.Che poi ci si schieri a destra o sinistra dipende da quella che è la realtà locale, ma se non c'è l'ossatura di partito , non serve a nulla trovarci a livello nazionale,per poi accorgerci che abbiamo costruito sulla sabbia.Noi qui iniziamo ad avere qualche consigliere comunale nella provincia,il che vuol dire quello che è mancato a tutti i partiti di tendenza liberale a queste elezioni:contatto con la popolazione, dimostrazione che non solo si esiste ma che si sa governare,visto che alla fine questo deve essere l'obbiettivo.Contiamo poco, ma finalmente i comunicati vengono pubblicati, incidiamo in una seppur piccola misura sulla nostra realtà.Il messaggio passa.A cosa serve decidere con chi schierarci se non abbiano nulla da offrire?Se non siamo in grado di avere una indipendenza politica e di presentarci elettoralmente siamo solo un club di simpatici pensatori.A ogni elezione una lista di sciagurati liberali deve essere presente anche nei più sfigati comuni.Alla peggio ci sconfiggono, ma almeno dimostriamo alla gente che ci siamo e che non siamo i custodi dei sepolcri di Cavour e co.
 
Il liberalismo è un progetto "seminale" che può essere piantato in due diversi campi culturali, nel quadro del tanto sospirato (da ogni buon liberale) bipolarismo-bipartitismo: a destra diventa "mercatismo" e meritocrazia, a sinistra diventa quello che va sotto il nome di "diritti civili", dei quali non voglio soffermarmi a produrre confutazioni per puro amore di brevità. Tertium non datur. Arroccato, massimalista e "partitico" come lo vorresti riprodurre tu, caro Nico, il liberalismo (attributo di metodo, non di merito: molti "sinceri liberali", tanto per usare un'orrenda espressione da Politburo fuori tempo massimo, sono contrari a Zapatero e all'aborto riparatore) muore rinsecchito e sussiegoso. Partito dell'unità liberale? No grazie. Dialettica tra conservatori e progressisti? Sì grazie. Di nuovo saluti.
 
il problema vero è che noi continuamo a discutere, ad accapigliarci, facciamo alta filosofia politica (non è ironia, ma la verità!) e intanto la fuori il paese rischia di implodere xchè in mano di quanto più illeberale possa esserci: una accozzaglia politica con all'interno tutto e il contarari di tutto che ha vinto le elezioni di strettissima misura, uniti solo dall'antiberlusconismo. ma è mai possibile essere sempre "contro" e prescindere e mai "per"? capisco che anche la cdl in quanto a liberalismo non è che ci sia da scherzare, a parte pochissime eccezioni ma c.que qualche Liberale disperato, isolato e che conta poco lo si trova. poi va beh, ve lo concedo, troviamo i cattolici Bigotti alla Buttiglione e ti viene voglia di votare Rosa nel Pugno che xrò va a braccetto con chi sfasci le vetrine, i no-global, no-tav, non energia nucleare, gay è bello e altre amenità di questo tipo. e noi per restare "terzi" possiamo permettere a questa armata brancaleone senz'arte ne parte di governare il paese? no? e xrò è il risultato che abbiamo ottenuto non andando a votare (io ci sono andato, son rimasto in gabina, giuro, 5 minuti xchè proprio non sapevo chi fosse il meno peggio!). e ora che si fa? ci sono le Amministrative, rischiamo di consegnare nuovamente le città ai rossi ma noi ancora quì a discutere, anzichè presentare liste LIBERALI in tutte le città. i nostri Appelli per una lista LIBERALE a Torino sono caduti quasi nel vuoto, a parte qualche maico che, come sempre, starà al nostro fianco. oltretutto ci presentiamo fuori dai poli, come chiesto da molti di voi. ma nessuno di voi è quì, in prima linea con noi a lottare per un'idea, l'idea LIBERALE in cui tutti crediamo almeno a parole.
se ci siete, amici LIBERALI, noi ci siamo ma vogliamo lottare per strada, non sui blog, meglio non solo sui blog. perchè le nostre città non si governano stando dietro a un PC!
galgano palaferri
upl.ilcannocchiale.it
TORINO LIBERALE
upl@hotmail.it
 
Beh, caro Nico, noi a Torino ci stiamo provando a presentarci come TORINO LIBERALE" fuori dai poli. ma i nostri Appelli a darci una mano sono fin quì caduti nbel vuoto. anzi alcuni di noi son passati armi e bagagli nella Rosa nel Pugno, nella Lega e in un nuovo movimento con ampie risorse finanziarie che si chia MODERATI, formati da ex FI, ex Italia dei Valori, ex UdC e che si schiera a finaoc di CHIAMPARNO. Dei Riformatori Liberali nessuna notizia. ma ti sembra possibile che a Torino non ci sia più un Liberale? e che alla fine forse non si riesca a presentare la Lista? A dibattere e scontarsi tutti Liberali, poi quando c'è da passare all'azione più nessuno. Perchè?
 
Posta un commento



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?